Jennifer Aniston, storia della protagonista di Friends

0
41
jennifer-aniston

Jennifer Aniston, storia della protagonista della serie Friends, nel post a cura di CineMagazine

Ci sono attrici che sono belle, brave, simpatiche e chi più ne ha più ne metta. Sono praticamente ‘perfette’ per il pubblico. Lei è Jennifer Aniston, figura iconica nel mondo del cinema e della televisione.

Conosciuta per la sua straordinaria capacità di trasformare ogni ruolo in un personaggio memorabile, Jennifer Aniston si distingue per il suo stile unico, che la rendono una delle attrici più amate e riconoscibili, divenendo una delle figure più influenti di Hollywood.

In questo post a cura di CineMagazine, vediamo insieme la storia e la vita dell’attrice americana, protagonista della serie Friends, Jennifer Aniston. Bentornati sul nostro portale!

Gli inizi di Jennifer Aniston

Jennifer Aniston nasce a Sherman Oaks, Los Angeles, in California, l’11 febbraio 1969. Cresce in una famiglia dedita al mondo dello spettacolo, il che le permette di sviluppare, fin da giovane, un profondo interesse per la recitazione.

La passione di Jennifer Aniston per la recitazione si manifesta fin dalla sua adolescenza. Dopo aver frequentato la Fiorello H. LaGuardia High School of Music & Art and Performing Arts, un prestigioso istituto d’arte di New York, si dedica completamente alla sua passione per la recitazione.

I suoi primi passi nel mondo dello spettacolo sono caratterizzati da ruoli minori in televisione e piccoli lavori al cinema. Ma siamo solo all’inizio.

Jennifer Aniston diviene famosa al grande pubblico grazie alla sitcom Friends

Il grande successo di Jennifer Aniston arriva con il ruolo di Rachel Green nella celebre sitcom “Friends”, lanciata nel 1994. Questo ruolo diventa un punto di svolta nella sua carriera, proiettandola nell’olimpo delle star di Hollywood. La sua interpretazione di Rachel, un personaggio complesso e affascinante, di cui si innamora l’altra star della serie, Ross Geller (interpretato da David Schwimmer), cattura il cuore di milioni di spettatori in tutto il mondo.

Per la sua performance in “Friends”, Jennifer Aniston riceve numerosi riconoscimenti, tra cui un Emmy Award, un Golden Globe e un Screen Actors Guild Award.

La serie non solo la rende famosa a livello internazionale, ma diventa un fenomeno culturale, contribuendo a definire la televisione degli anni ’90 e del primo decennio del 2000.

Il successo di “Friends” e il suo ruolo in esso, segnano l’inizio di una carriera ricca di successi per Jennifer Aniston, affermandola come una delle attrici più talentuose e versatili della sua generazione.

Jennifer Aniston negli anni 2000

Jennifer Aniston diviene una delle attrici più versatili e richieste di Hollywood. Dopo “Friends”, terminato nel 2004, Jennifer Aniston si mostra un’attrice molto versatile, recitando anche in pellicole impegnative, sia per la trama che per il messaggio che devono lanciare.

In “Cake”, nel 2014, Jennifer Aniston affronta temi intensi e emotivi, guadagnandosi una nomination ai Golden Globe per la sua interpretazione. Questo ruolo, in particolare, ha segnato una svolta nella sua carriera, mostrando al mondo come sia in grado di interpretare personaggi complessi e difficili, non solo ‘leggeri’.

Il suo ritorno in televisione con la serie “The Morning Show”, dove recita al fianco di Reese Witherspoon e Steve Carell, è un altro esempio della sua versatilità e della sua capacità di adattarsi a nuove sfide. In questa serie, Aniston interpreta il ruolo di una giornalista che affronta diversi dilemmi etici e personali in un contesto lavorativo complicato. La serie è stata accolta con entusiasmo sia dalla critica che dal pubblico, ricevendo un altro premio SAG e una nomination agli Emmy.

Ciò, però, non toglie nulla alla capacità di Jennifer Aniston nel recitare nelle commedie, partecipando a film di successo come “Horrible Bosses” e il suo sequel, così come in “We’re the Millers”, dimostrando ancora una volta il suo innato talento comico.

Sì, Jennifer Aniston è un’attrice top sia per il lato comico che per il lato impegnato.

La vita privata di Jennifer Aniston

Jennifer Aniston, oltre alla sua brillante carriera, ha sempre avuto una vita privata sotto i riflettori, suscitando grande interesse nel pubblico. Nata in una famiglia legata al mondo dello spettacolo  con suo padre, John Aniston, è un attore noto per il suo ruolo nella soap opera “Days of Our Lives”, mentre sua madre, Nancy Dow, è stata anch’essa un’attrice, Jennifer Aniston è stata abituata fin da piccola a essere sotto la lente dei riflettori.

Il suo matrimonio con Brad Pitt nel 2000 è stato uno degli eventi più seguiti e celebrati di Hollywood. Tuttavia, la loro separazione e il successivo divorzio nel 2005 hanno catturato ancor più l’attenzione dei media e del pubblico, diventando un argomento di dibattito e, in alcuni casi, di speculazione.

Dopo la fine del suo matrimonio con Brad Pitt, Aniston ha avuto relazioni con altre celebrità, tra cui Vince Vaughn e John Mayer.

Nel 2015, Jennifer Aniston si è sposata con l’attore e regista Justin Theroux, ma il loro matrimonio è terminato con un divorzio nel 2017. Jennifer Aniston, però, non si può solo ridurre a una vita privata con due matrimoni alle spalle. Infatti, è conosciuta per il suo impegno in cause benefiche, sostenendo organizzazioni legate alla salute delle donne, alla protezione degli animali e ai diritti dei bambini.

Inoltre, Jennifer Aniston è stata una voce influente nel discutere di temi come l’empowerment femminile, la pressione dei media e la salute mentale, usando la sua piattaforma per sensibilizzare su queste importanti questioni.

Con il tempo, è divenuta una figura credibile in questo campo, divenendo portavoce di queste tematiche.

Filmografia di Jennifer Aniston

La filmografia di Jennifer Aniston comprende più di 25 film. Una carriera lunga e di livello, testimoniata dall’altissimo livello di alcuni titoli, che a distanza di anni sono ricordati dal grande pubblico.

Ecco, quindi, una lista in ordine cronologico che racchiude la carriera più che ventennale di Jennifer Aniston:

  1. Il mio amico Mac (Mac and Me), regia di Stewart Raffill (1988) – non accreditata
  2. Leprechaun, regia di Mark Jones (1993)
  3. Il sogno di Frankie (Dream for an Insomniac), regia di Tiffanie DeBartolo (1996)
  4. Il senso dell’amore (She’s the One), regia di Edward Burns (1996)
  5. Romantici equivoci (Picture Perfect), regia di Glenn Gordon Caron (1997)
  6. Solo se il destino (Til There Was You), regia di Scott Winant (1997)
  7. The Thin Pink Line, regia di Joe Dietl e Michael Irpino (1998)
  8. L’oggetto del mio desiderio (The Object of My Affection), regia di Nicholas Hytner (1998)
  9. Waiting for Woody – Aspettando Woody, regia di Grant Heslov – cortometraggio (1998)
  10. Impiegati… male! (Office Space), regia di Mike Judge (1999)
  11. Rock Star, regia di Stephen Herek (2001)
  12. The Good Girl, regia di Miguel Arteta (2002)
  13. Una settimana da Dio (Bruce Almighty), regia di Tom Shadyac (2003)
  14. Abby Singer, regia di Ryan R. Williams (2003) – cameo
  15. …e alla fine arriva Polly (Along Came Polly), regia di John Hamburg (2004)
  16. Derailed – Attrazione letale (Derailed), regia di Mikael Håfström (2005)
  17. Vizi di famiglia (Rumor Has It…), regia di Rob Reiner (2005)
  18. Friends with Money, regia di Nicole Holofcener (2006)
  19. Ti odio, ti lascio, ti… (The Break-Up), regia di Peyton Reed (2006)
  20. Io & Marley (Marley & Me), regia di David Frankel (2008)
  21. Management – Un amore in fuga, regia di Stephen Belber (2008)
  22. La verità è che non gli piaci abbastanza (He’s Just Not That Into You), regia di Ken Kwapis (2009)
  23. Journey to Sundance regia di Julian Starks – documentario (2009)
  24. Qualcosa di speciale (Love Happens), regia di Brandon Camp (2009)
  25. Il cacciatore di ex (The Bounty Hunter), regia di Andy Tennant (2010)
  26. Due cuori e una provetta (The Switch), regia di Will Speck e Josh Gordon (2010)
  27. Mia moglie per finta (Just Go with It) regia di Dennis Dugan (2011)
  28. Come ammazzare il capo… e vivere felici (Horrible Bosses), regia di Seth Gordon (2011)
  29. Nudi e felici (Wanderlust), regia di David Wain (2012)
  30. Come ti spaccio la famiglia (We’re the Millers), regia di Rawson Marshall Thurber (2013)
  31. Scambio a sorpresa – Life of Crime (Life of Crime), regia di Daniel Schechter (2013)
  32. Cake, regia di Daniel Barnz (2014)
  33. Come ammazzare il capo 2 (Horrible Bosses 2), regia di Sean Anders (2014)
  34. Tutto può accadere a Broadway (She’s Funny That Way), regia di Peter Bogdanovich (2014)
  35. Mother’s Day, regia di Garry Marshall (2016)
  36. La festa prima delle feste (Office Christmas Party), regia di Will Speck e Josh Gordon (2016)
  37. Il destino di un soldato (The Yellow Birds), regia di Alexandre Moors (2017)
  38. Voglio una vita a forma di me (Dumplin’), regia di Anne Fletcher (2018)
  39. Murder Mystery, regia di Kyle Newacheck (2019)
  40. Murder Mystery 2, regia di Jeremy Garelick (2023)

Il nostro approfondimento dedicato alla vita di Jennifer Aniston, termina qui. Alla prossima con i post dedicati al mondo del cinema, a cura del nostro portale!