Asia Argento, bio dell’attrice italiana, figlia del noto regista Dario

0
66
asia argento
Georges Biard, CC BY-SA 3.0, via Wikimedia Commons

Asia Argento, bio dell’attrice italiana, figlia del noto regista horror Dario, nel post a cura di CineMagazine

A volte dai film e dalle espressioni meno esaltanti e maggiormente introspettive possono nascere grandi performance, sia dal punto di vista personale che collettivo. Asia Argento è una cartina di tornasole da questo punto di vista. 

Attrice e donna dal grande spessore cinematografico, accompagnato da un aspetto “spettrale”, ma inteso in un’ottica positiva e di fascinazione verso il pubblico. Quest’ultimo è un potere che contraddistingue da sempre la sua gloriosa carriera. Vediamola insieme nel post a lei dedicato, a cura di CineMagazine. Bentornati sul nostro portale!

Gli inizi di Asia Argento

Asia Argento nasce a Roma il 20 settembre del 1975. Oltre ad essere attrice, vanta tantissime esperienze come regista e sceneggiatrice. Dunque, non è conosciuta al grande pubblico solamente per essere la figlia del mitico Dario Argento. Anche per quello, ma non solo.

Si può affermare con certezza che la carriera cinematografica inizia ufficialmente nei primi anni ’80. Asia è ancora una bambina, ma si lancia già come interprete in diverse rappresentazioni. Tra il 1984 e il 1989 girerà ben sei film.

Sergio Citti la scrittura a nove anni per il film “Il ritorno di Guerriero”. Ma per Asia si capisce sin da subito che la strada spianata ce l’ha attraverso il genere horror. In questo senso il padre Dario la inserisce nel cast di due film come Demoni 2, l’incubo ritorna e La chiesa.

Il ruolo di Simona ne Le amiche del cuore, con regia di Michele Placido, è il personaggio che la fa salire alla ribalta dal punto di vista della visibilità. Pellicola struggente del 1992 dove lei interpreta la parte di una figlia vittima di atteggiamenti incestuosi da parte del padre.

Asia Argento si fa conoscere al grande pubblico

Il 1994 è l’anno d’oro di Asia Argento sotto tutti i profili. Grazie al film Perdiamoci di vista diretto da Carlo Verdone ottiene un Ciak d’oro e il prestigioso David Di Donatello in quanto migliore attrice protagonista. Nei panni di Arianna mette in mostra le fragilità di una donna paraplegica, ma dall’intuito formidabile riguardo alle magagne messe in atto da un produttore televisivo per soddisfare i propri interessi di audience.

La Regina Margot è stato un film francese pluripremiato al Festival di Cannes, di cui ha fatto parte anche Asia Argento. Unica rappresentanza italiana all’interno di un kolossal francese insieme a Virna Lisi e Claudio Amendola. Candidato ai premi Oscar del 1995.

Il secondo David Di Donatello giunge l’anno successivo in concomitanza con l’uscita del film Compagna di viaggio del regista italiano Peter Del Monte. Anche in questo caso il riconoscimento riguarda la categoria Migliore attrice protagonista.

Asia Argento diviene famosa anche all’estero

Verso la fine degli anni ’90 il raggio d’azione di Asia Argento a livello cinematografico si sposta soprattutto verso l’estero. Non a caso la si ammira maggiormente in produzioni non italiane, come I miserabili di Josée Dayan. 

Dalla Francia sbarca negli USA in una veste illustre, facendo parte del cast di Last days, proiezione del 2005 basata sugli ultimi attimi di vita vissuti dalla nota rockstar Kurt Cobain. Opera di Gus Van Sant.

Parallelamente all’attività da attrice, Asia mostra una certa dimestichezza anche in qualità di regista. Buon sangue non mente, verrebbe da dire in questi casi. Il cortometraggio Prospettive si annovera come primo lavoro in assoluto e datato 1994.

Asia Argento in campo musicale

Nel 2001 è protagonista insieme ai Bluvertigo nella direzione del videoclip L’assenzio, coadiuvata dalla collaborazione del leader, nonché suo compagno di vita dell’epoca, Morgan.

In campo musicale si è distinta, inoltre, per la regia di videoclip dedicati alla cantante Loredana Bertè, amica storica di una vita.

Il film Incompresa non risulta essere un grande successo in termini numerici, ma dal punto di vista commerciale si candida a 4 nastri d’argento per la categoria Migliore sceneggiatura nell’ambito della 69sima edizione del 2014.

La discografia è ricca di singoli e collaborazioni, messi in atto soprattutto con la presenza dell’ex Morgan. Si celebrano, in questo senso, successi come Sexodrome, Indifference e Liebestod.

La vita privata di Asia Argento

La carriera cinematografica fa da contraltare ad una vita privata costernata di situazioni compromettenti subite. Tanto è vero che lei è stata una delle attrici più attive sul fronte delle denunce e delle rivendicazioni giudiziali. Il produttore americano Harvey Weinstein viene denunciato per molestie sessuali perpetrate nei suoi confronti.

Tutto succede durante una festa organizzata dal produttore stesso nel 1997, a cui partecipa in veste di attrice. Proprio in quell’occasione sarebbero avvenute le violenze. Accuse confermate successivamente anche durante l’edizione del Festival di Cannes del 2018. Sul palco Asia Argento diventa la paladina delle donne e aggrava notevolmente la posizione di Weinstein, già in precario equilibrio.

Filmografia Asia Argento

Terminiamo il nostro post dedicato ad Asia Argento, con la sua filmografia. Alla prossima con gli approfondimenti a cura di CineMagazine!

  1. Dèmoni 2… L’incubo ritorna, regia di Lamberto Bava (1986)
  2. Zoo, regia di Cristina Comencini (1988)
  3. La chiesa, regia di Michele Soavi (1989)
  4. Palombella rossa, regia di Nanni Moretti (1989)
  5. Le amiche del cuore, regia di Michele Placido (1992)
  6. Trauma, regia di Dario Argento (1993)
  7. Condannato a nozze, regia di Giuseppe Piccioni (1993)
  8. Perdiamoci di vista, regia di Carlo Verdone (1994)
  9. De Generazione, registi vari, episodi Consegne a domicilio, Prospettive, Squeak! (1994)
  10. La regina Margot (La Reine Margot), regia di Patrice Chéreau (1994)
  11. La sindrome di Stendhal, regia di Dario Argento (1996)
  12. Il cielo è sempre più blu, regia di Antonello Grimaldi (1996)
  13. Compagna di viaggio, regia di Peter Del Monte (1996)
  14. Viola bacia tutti, regia di Giovanni Veronesi (1997)
  15. New Rose Hotel, regia di Abel Ferrara (1998)
  16. B. Monkey – Una donna da salvare (B. Monkey), regia di Michael Radford (1998)
  17. Il fantasma dell’Opera, regia di Dario Argento (1998)
  18. Scarlet Diva, regia di Asia Argento (2000)
  19. Love Bites – Il morso dell’alba (Les morsures de l’aube), regia di Antoine de Caunes (2001)
  20. Red Siren, regia di Olivier Megaton (2002)
  21. xXx, regia di Rob Cohen (2002)
  22. Ginostra, regia di Manuel Pradal (2002)
  23. The Keeper, regia di Paul Lynch (2004)
  24. Ingannevole è il cuore più di ogni cosa, regia di Asia Argento (2004)
  25. Last Days, regia di Gus Van Sant (2005)
  26. La terra dei morti viventi (Land of the Dead), regia di George A. Romero (2005)
  27. Marie Antoinette, regia di Sofia Coppola (2006)
  28. Transylvania, regia di Tony Gatlif (2006)
  29. Boarding Gate, regia di Olivier Assayas (2007)
  30. Une vieille maîtresse, regia di Catherine Breillat (2007)
  31. La terza madre, regia di Dario Argento (2007)
  32. Go Go Tales, regia di Abel Ferrara (2007)
  33. De la guerre – Della guerra (De la guerre), regia di Bertrand Bonello (2008)
  34. Diamond 13 (Diamant 13), regia di Gilles Béhat (2009)
  35. Baciato dalla fortuna, regia di Paolo Costella (2011)
  36. Gli sfiorati, regia di Matteo Rovere (2011)
  37. Cavalli, regia di Michele Rho (2011)
  38. Isole, regia di Stefano Chiantini (2011)
  39. Dracula 3D, regia di Dario Argento (2012)
  40. Do Not Disturb, regia di Yvan Attal (2012)
  41. Cadences obstinées, regia di Fanny Ardant (2013)
  42. Shongram, regia di Munsur Ali (2014)
  43. Alien Crystal Palace, regia di Arielle Dombasle (2018)
  44. Agony, regia di Michele Civetta (2020)
  45. Sans soleil, regia di Banu Akseki (2021)
  46. Occhiali neri, regia di Dario Argento (2022)
  47. Vera, regia di Tizza Covi e Rainer Frimmel (2022)
  48. Padre Pio, regia di Abel Ferrara (2022)
  49. Let Her Kill You (Seule), regia di Jérôme Dassier (2022)
  50. Interstate, regia di Jean Luc Herbulot (2023)