Alberto Sordi, biografia dell’attore italiano

1
589
alberto sordi foto

Alberto Sordi, biografia dell’attore italiano nel post di CineMagazine

Quando è morto, ci siamo sentiti tutti orfani perché Alberto Sordi, “l’Albertone Nazionale”, non era solo un grandissimo attore. Era un compagno di vita, un fratello maggiore, un padre che ci sbatteva in faccia tutti i difetti. Ma anche un conoscitore dei pregi di noi italiani. Romanaccio de Roma, aveva tuttavia interpretato molte parti, con molti accenti, e ogni volta si trasformava magistralmente. Questa grande personalità del nostro cinema ha davvero percorso tutto il XX secolo insieme al Paese.

Una carriera iniziata prestissimo

Alberto Sordi nacque il 20 giugno 1920 a Roma, figlio di due insegnanti (il padre era anche musicista). Cresciuto in provincia, non era ancora diplomato quando cominciò le prime esperienze in radio e con i soldi guadagnati tentò l’Accademia d’Arte Drammatica di Milano, dove tuttavia non fu ammesso. Tornato a Roma, si manteneva lavorando in radio, come doppiatore (sua la voce italiana di Ollio) e come comparsa nei film muti.

Viene assunto da una compagnia di rivista e inizia la carriera teatrale, che lo salva anche dalla II Guerra Mondiale. Fu arruolato, ma partecipò come membro della Banda del Regio Esercito e dunque non arrivò mai a partire per il fronte. A fine guerra, iniziarono le partecipazioni più importanti ai film dell’Italia che rinasceva.

Il grande successo di “Albertone”

Nel 1953 divenne protagonista del film Lo Sceicco Bianco (di Federico Fellini) e la sua bravura gli spianò la via per un successo clamoroso. Con lo stesso regista interpretò un piccolo ruolo ne I Vitelloni, che paradossalmente lo fece emergere ancora di più che non il primo ruolo da protagonista. Da qui seguirono i film di Steno (Un Giorno in Pretura, Un Americano a Roma, Piccola Posta…) che lo lanciarono come l’unica vera star cinematografica del tempo.

Per dieci anni dovette condividere il primato con Totò, ma dagli anni Sessanta in poi e fino alla morte, Alberto Sordi ha interpretato centinaia di film di carattere, impersonando “l’italiano medio” nella sua bellezza e bruttezza. Intramontabili le sue interpretazioni drammatiche – come Un Borghese Piccolo Piccolo, negli anni feroci del terrorismo politico, o come Lo Scopone Scientifico – che confermarono la sua immensa bravura.

Gli ultimi anni

Un vero attore non ha paura di reinventarsi e non ha paura del tempo che passa. Alberto Sordi è cresciuto ed è invecchiato con il cinema. Non  ha mai cercato ruoli diversi da ciò che lui era davvero. Da anziano, tra gli anni Novanta e i Duemila, ha recitato parti di italiani vecchi con la stessa grinta e sapienza con cui aveva dato volto ai giovani degli anni Settanta. Commoventi, nonostante l’amara ironia, i suoi ultimi film: Nestore, ultima corsa e Sposami papà.

Sordi è morto nel sonno, la sera del 24 febbraio 2003 a 82 anni. Pochi giorni prima era ancora apparso in TV, in forma nonostante l’età. Ha lasciato una enorme eredità, non solo materiale, che ha fatto scoprire a tutti la sua lunghissima dedizione alla beneficenza e la sua generosità. Non si sposò mai, e tutti credevano fosse uno scapolone egoista e tirchio … invece aveva regalato, per tutta la vita, denaro e speranza a tanti enti a sostegno di cause contro la povertà.

Alberto Sordi film

Ecco a voi, per terminare il nostro racconto su Alberto, la filmografia dell’attore romano, considerando solo i film ai quali ha partecipato:

  • Scipione l’africano, regia di Carmine Gallone (1937) come comparsa
  • Il feroce Saladino, regia di Mario Bonnard (1937) come comparsa
  • La principessa Tarakanova, regia di Mario Soldati (1938)
  • La notte delle beffe, regia di Carlo Campogalliani (1939)
  • Cuori nella tormenta, regia di Carlo Campogalliani (1940)
  • Il bravo di Venezia, regia di Carlo Campogalliani (1941)
  • Le signorine della villa accanto, regia di Gian Paolo Rosmino (1942)
  • Giarabub, regia di Goffredo Alessandrini (1942)
  • I 3 aquilotti, regia di Mario Mattoli (1942)
  • La signorina, regia di László Kish (1942)
  • Casanova farebbe così!, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1942)
  • Sant’Elena, piccola isola, regia di Renato Simoni e Umberto Scarpelli (1943)
  • Tre ragazze cercano marito, regia di Duilio Coletti (1944)
  • Circo equestre Za-bum (episodio Galoppo finale dal circo), regia di Mario Mattoli (1944)
  • Chi l’ha visto?, regia di Goffredo Alessandrini (1945)
  • L’innocente Casimiro, regia di Carlo Campogalliani (1945)
  • Le miserie del signor Travet, regia di Mario Soldati (1945)
  • Il vento m’ha cantato una canzone, regia di Camillo Mastrocinque (1947)
  • Il delitto di Giovanni Episcopo, regia di Alberto Lattuada (1947)
  • Il Passatore, regia di Duilio Coletti (1947)
  • Che tempi!, regia di Giorgio Bianchi (1948)
  • Sotto il sole di Roma, regia di Renato Castellani (1948)
  • Mamma mia, che impressione!, regia di Roberto Savarese (1951)
  • Cameriera bella presenza offresi…, regia di Giorgio Pàstina (1951)
  • È arrivato l’accordatore, regia di Duilio Coletti (1951)
  • Totò e i re di Roma, regia di Steno e Mario Monicelli (1951)
  • Lo sceicco bianco, regia di Federico Fellini (1952)
  • I vitelloni, regia di Federico Fellini (1953)
  • Canzoni, canzoni, canzoni, regia di Domenico Paolella episodio Io cerco la Titina (1953)
  • Ci troviamo in galleria, regia di Mauro Bolognini (1953)
  • Due notti con Cleopatra, regia di Mario Mattoli (1954)
  • Amori di mezzo secolo (episodio Dopoguerra 1920), regia di Mario Chiari (1954)
  • Un giorno in pretura, regia di Steno (1953)
  • Tempi nostri – Zibaldone n. 2, regia di Alessandro Blasetti episodio Scusi, ma…, (1954)
  • Il matrimonio, regia di Antonio Petrucci (1954)
  • Lo scocciatore (Via Padova 46), regia di Giorgio Bianchi (1954)
  • Tripoli, bel suol d’amore, regia di Ferruccio Cerio (1954)
  • Gran varietà (episodio Fregoli), regia di Domenico Paolella (1954)
  • Allegro squadrone, regia di Paolo Moffa (1954)
  • Il seduttore, regia di Franco Rossi (1954)
  • Accadde al commissariato, regia di Giorgio Simonelli (1954)
  • Una parigina a Roma, regia di Erich Kobler (1954)
  • Un americano a Roma, regia di Steno (1954)
  • L’arte di arrangiarsi, regia di Luigi Zampa (1954)
  • Il segno di Venere, regia di Dino Risi (1955)
  • Buonanotte… avvocato!, regia di Giorgio Bianchi (1955)
  • Un eroe dei nostri tempi, regia di Mario Monicelli (1955)
  • La bella di Roma, regia di Luigi Comencini (1955)
  • Accadde al penitenziario, regia di Giorgio Bianchi (1955)
  • Bravissimo, regia di Luigi Filippo D’Amico (1955)
  • Piccola posta, regia di Steno (1955)
  • Lo scapolo, regia di Antonio Pietrangeli (1956)
  • I pappagalli, regia di Bruno Paolinelli (1956)
  • Guardia, guardia scelta, brigadiere e maresciallo, regia di Mauro Bolognini (1956)
  • Mio figlio Nerone, regia di Steno (1956)
  • Mi permette, babbo!, regia di Mario Bonnard (1956)
  • Era di venerdì 17, regia di Mario Soldati (1956)
  • Arrivano i dollari!, regia di Mario Costa (1957)
  • Souvenir d’Italie, regia di Antonio Pietrangeli (1957)
  • Il conte Max, regia di Giorgio Bianchi (1957)
  • Addio alle armi (A Farewell to Arms), regia di Charles Vidor (1957)
  • Il medico e lo stregone, regia di Mario Monicelli (1957)
  • Ladro lui, ladra lei, regia di Luigi Zampa (1958)
  • Il marito, regia di Nanni Loy e Gianni Puccini (1957)
  • Fortunella, regia di Eduardo De Filippo (1958)
  • Domenica è sempre domenica, regia di Camillo Mastrocinque (1958)
  • La vedova elettrica (Le septième ciel), regia di Raymond Bernard (1958)
  • Venezia, la luna e tu, regia di Dino Risi (1958)
  • Racconti d’estate, regia di Gianni Franciolini (1958)
  • Nella città l’inferno, regia di Renato Castellani (1959)
  • Il giovane leone (Oh, que Mambo!), regia di John Berry (1959)
  • Policarpo, ufficiale di scrittura, regia di Mario Soldati (1959)
  • Il moralista, regia di Giorgio Bianchi (1959)
  • I magliari, regia di Francesco Rosi (1959)
  • Vacanze d’inverno, regia di Camillo Mastrocinque (1959)
  • Costa Azzurra, regia di Vittorio Sala (1959)
  • La grande guerra, regia di Mario Monicelli (1959)
  • Il vedovo, regia di Dino Risi (1959)
  • Brevi amori a Palma di Majorca, regia di Giorgio Bianchi (1959)
  • Gastone, regia di Mario Bonnard (1960)
  • Tutti a casa, regia di Luigi Comencini (1960)
  • Il vigile, regia di Luigi Zampa (1960)
  • Crimen, regia di Mario Camerini (1960)
  • I due nemici, regia di Guy Hamilton (1961)
  • Il giudizio universale, regia di Vittorio De Sica (1961)
  • Una vita difficile, regia di Dino Risi (1961)
  • Il commissario, regia di Luigi Comencini (1962)
  • Mafioso, regia di Alberto Lattuada (1962)
  • Il diavolo, regia di Gian Luigi Polidoro (1963)
  • Il boom, regia di Vittorio De Sica (1963)
  • Il maestro di Vigevano, regia di Elio Petri (1963)
  • Tentazioni proibite, regia di Osvaldo Civirani (1963)
  • La mia signora, regia di Tinto Brass, Luigi Comencini e Mauro Bolognini (1964)
  • Il disco volante, regia di Tinto Brass (1964)
  • Risate all’italiana, registi vari (1964)
  • I tre volti, episodio Latin lover, regia di Franco Indovina (1965)
  • Quei temerari sulle macchine volanti (Those magnificent men in their flying machines, or: how I flew from London to Paris in 25 hours and 11 minutes), regia di Ken Annakin (1965)
  • I complessi episodio Guglielmo il dentone, regia di Luigi Filippo D’Amico (1965)
  • Thrilling episodio L’autostrada del sole, regia di Carlo Lizzani (1965)
  • Made in Italy, regia di Nanni Loy (1965)
  • Fumo di Londra, regia di Alberto Sordi (1966)
  • I nostri mariti, regia di Luigi Filippo D’Amico episodio Il marito di Roberta (1966)
  • Le fate, episodio Fata Marta regia di Antonio Pietrangeli (1966)
  • Scusi, lei è favorevole o contrario?, regia di Alberto Sordi (1966)
  • Le streghe, episodio Senso civico regia di Mauro Bolognini (1967)
  • Un italiano in America, regia di Alberto Sordi (1967)
  • Il medico della mutua, regia di Luigi Zampa (1968)
  • Riusciranno i nostri eroi a ritrovare l’amico misteriosamente scomparso in Africa?, regia di Ettore Scola (1968)
  • Amore mio aiutami, regia di Alberto Sordi (1969)
  • Nell’anno del Signore, regia di Luigi Magni (1969)
  • Il prof. dott. Guido Tersilli primario della clinica Villa Celeste convenzionata con le mutue, regia di Luciano Salce (1969)
  • Contestazione generale, episodio Il prete regia di Luigi Zampa (1970)
  • Il presidente del Borgorosso Football Club, regia di Luigi Filippo D’Amico (1970)
  • Le coppie (episodi La camera, regia di Alberto Sordi, e Il leone, regia di Vittorio De Sica) (1970)
  • Detenuto in attesa di giudizio, regia di Nanni Loy (1971)
  • Bello, onesto, emigrato Australia sposerebbe compaesana illibata, regia di Luigi Zampa (1971)
  • Lo scopone scientifico, regia di Luigi Comencini (1972)
  • La più bella serata della mia vita, regia di Ettore Scola (1972)
  • Roma, regia di Federico Fellini (1972) (non accreditato)
  • Anastasia mio fratello, regia di Steno (1973)
  • Polvere di stelle, regia di Alberto Sordi (1973)
  • Finché c’è guerra c’è speranza, regia di Alberto Sordi (1974)
  • Di che segno sei?, episodio Il fuoco regia di Sergio Corbucci (1975)
  • Un sorriso, uno schiaffo, un bacio in bocca, regia di Mario Morra (1975)
  • E il Casanova di Fellini?, regia di Gianfranco Angelucci e Liliana Betti (1975)
  • Il comune senso del pudore (primo episodio), regia di Alberto Sordi (1976)
  • Quelle strane occasioni (episodio L’ascensore), regia di Luigi Comencini (1976)
  • Un borghese piccolo piccolo, regia di Mario Monicelli (1977)
  • I nuovi mostri, regia di Mario Monicelli, Dino Risi ed Ettore Scola (1977)
  • Dove vai in vacanza?, episodio 3 Le vacanze intelligenti, regia di Alberto Sordi (1978)
  • L’ingorgo, regia di Luigi Comencini (1978)
  • Il testimone (Le témoin), regia di Jean-Pierre Mocky (1978)
  • Il malato immaginario, regia di Tonino Cervi (1979)
  • Io e Caterina, regia di Alberto Sordi (1980)
  • Il marchese del Grillo, regia di Mario Monicelli (1981)
  • Io so che tu sai che io so, regia di Alberto Sordi (1982)
  • In viaggio con papà, regia di Alberto Sordi (1982)
  • Il tassinaro, regia di Alberto Sordi (1983)
  • La vita comincia a…, regia di Ettore Scola – cortometraggio (1983)
  • Tutti dentro, regia di Alberto Sordi (1984)
  • Bertoldo, Bertoldino e Cacasenno, regia di Mario Monicelli (1984)
  • Sono un fenomeno paranormale, regia di Sergio Corbucci (1985)
  • Troppo forte, regia di Carlo Verdone (1986)
  • Un tassinaro a New York, regia di Alberto Sordi (1987)
  • Una botta di vita, regia di Enrico Oldoini (1988)
  • L’avaro, regia di Tonino Cervi (1990)
  • In nome del popolo sovrano, regia di Luigi Magni (1990)
  • Vacanze di Natale ’91, regia di Enrico Oldoini (1991)
  • Assolto per aver commesso il fatto, regia di Alberto Sordi (1992)
  • Nestore, l’ultima corsa, regia di Alberto Sordi (1994)
  • Romanzo di un giovane povero, regia di Ettore Scola (1995)
  • Incontri proibiti, regia di Alberto Sordi (1998)

1 COMMENT

Comments are closed.